Storia di una Famiglia Perbene: iniziate le riprese della Seconda Stagione

Le riprese della seconda stagione di “Storia di una famiglia perbene” hanno preso il via, dopo il successo della prima serie. La serie, trasmessa su Canale 5, vede come protagonisti Giuseppe Zeno, Simona Cavallari e Federica Torchetti, sotto la regia di Stefano Reali.

Nuovi Svolgimenti Familiari

Nella seconda stagione di “Storia di una famiglia perbene”, ci ritroviamo di nuovo con la famiglia De Santis, impegnata a lottare contro le ingiustizie dell’epoca nella vecchia Bari degli Anni Novanta. La loro determinazione nel far emergere la verità e porre fine alla violenza sarà il motore delle vicende. Saranno numerosi i colpi di scena e gli eventi inaspettati che si susseguiranno durante le puntate.

L’Arrivo di un Misterioso Giovane

Uno dei momenti più intriganti della serie sarà l’arrivo di un giovane dal passato oscuro e misterioso nel quartiere. La sua presenza susciterà curiosità e sospetti, mettendo a dura prova l’equilibrio della famiglia De Santis. Il suo ruolo all’interno della trama si rivelerà fondamentale per lo sviluppo delle vicende.

La Nuova Famiglia di malavitosi

Inoltre, nella seconda stagione entrerà in scena una nuova famiglia di malavitosi, intenzionata a prendere il controllo del quartiere al posto della famiglia Straziota. Questo evento porterà tensione e conflitti nella trama, mettendo alla prova la determinazione e la resilienza dei protagonisti. Sarà una lotta per il potere, in cui nulla è scontato.

Un Capitolo Coinvolgente e Realistico

“Storia di una famiglia perbene – seconda stagione” è una produzione dell’11 Marzo Film di Matteo Levi, in collaborazione con Mediaset. Le riprese si svolgeranno in diverse location della suggestiva Puglia, tra cui Monopoli, Bari, Molfetta e Giovinazzo. Questa scelta permetterà di immergersi ancora di più nell’atmosfera e nel contesto storico della serie, rendendo l’esperienza degli spettatori ancora più coinvolgente e realistica.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati